BYD supera Tesla: il nuovo leader delle auto elettriche

BYD supera Tesla: il nuovo leader delle auto elettriche
Tesla BYD

Il mercato delle auto elettriche è stato testimone di un cambiamento epocale nell’ultimo trimestre del 2023, con l’ascesa di BYD, un produttore cinese di auto elettriche accessibili, che ha superato la nota compagnia Tesla. Questo evento rilevante sottolinea una svolta nel settore automobilistico globale, ponendo l’azienda cinese in una posizione leader di vendite con 526mila unità vendute, superando Tesla che si è fermata a 484mila.

Le cause dell’avanzamento di BYD

Il sorpasso di BYD su Tesla è il risultato di una combinazione di fattori. Tesla ha cercato di rimanere competitiva sul mercato riducendo i prezzi dei propri veicoli, un approccio che ha potenzialmente declassato la percezione di esclusività del marchio e spostato l’interesse dei consumatori verso alternative più abbordabili come quelle offerte da BYD. Al tempo stesso, il portfolio di Tesla ha mostrato i segni del tempo con la mancanza di rinnovamento sostanziale della gamma dei suoi veicoli e il ritardo del lancio di nuovi modelli, come il Cybertruck. Questi elementi hanno compromesso l’appetibilità del marchio. A ciò si aggiunge l’impatto negativo sull’immagine pubblica di Elon Musk, il cui comportamento controverso, specialmente in relazione alla gestione di Twitter, ha alienato una parte del suo pubblico target, in particolare tra i sostenitori dell’ambiente e progressisti.

BYD: un percorso verso il successo

Fondata nel 1995, BYD, acronimo di “Build Your Dreams”, presenta una traiettoria di sviluppo impressionante. Inizialmente focalizzata sulle batterie ricaricabili, BYD ha conquistato rapidamente il mercato durante l’era dei telefoni cellulari, diventando poi leader nel settore delle batterie in Cina. Dopo il suo ingresso in borsa, BYD ha esteso la sua attività alla produzione di autoveicoli nel 2003. Il suo background in elettronica ha permesso di eccellere nell’innovazione nel campo dei veicoli elettrici, culminando con il lancio del primo veicolo ibrido plug-in su larga scala, la BYD e6, nel 2008.

Il vantaggio competitivo della Cina nell’elettrico

La Cina vanta un vantaggio competitivo significativo nello sviluppo e nella produzione di auto elettriche. La concentrazione di impianti produttivi, aziende avviate e la disponibilità di un pool di ingegneri e tecnici altamente qualificati, insieme al controllo quasi totale sulle terre rare, rende la Cina una superpotenza nel settore. Questo è stato possibile anche grazie ai cospicui incentivi forniti dal governo cinese, sia ai produttori che ai consumatori, per promuovere l’industria dei veicoli elettrici.

La sfida occidentale all’ascesa della Cina

Le aziende automobilistiche occidentali sono indietro rispetto ai loro concorrenti cinesi nell’adattamento alle tecnologie elettriche. Ursula von der Leyen, Presidente della Commissione Europea, ha riconosciuto questa discrepanza, evidenziando come la Cina mantenga bassi i prezzi dei veicoli elettrici attraverso sovvenzioni statali, influenzando il mercato globale. Per affrontare questa distorsione competitiva, la Commissione Europea ha avviato un’indagine e chiamato a un intervento per garantire un campo di gioco equo nel mercato delle auto elettriche.