Tecnologia e sicurezza: come uno smartwatch sta cambiando il gioco

Tecnologia e sicurezza: come uno smartwatch sta cambiando il gioco
Smartwatch

“Mobile Angel”, l’innovativo smartwatch progettato per aiutare le donne vittime di violenza di genere, rappresenta un punto di incontro tra tecnologia e impegno sociale. Lanciato in Italia nel 2018 grazie alla collaborazione dei comandi provinciali dei carabinieri di Milano, Napoli e Torino, della Fondazione Vodafone Italia e di vari club di Soroptimist International, il progetto ha raggiunto una fase significativa nel 2022 con la distribuzione di 50 dispositivi alle donne che avevano segnalato situazioni di pericolo alle autorità.

Le destinatarie di “Mobile Angel” sono donne che hanno vissuto esperienze molto diverse, come aggressioni e stalking da parte di partner o ex partner, situazioni di abuso da parte di figli conviventi e tossicodipendenti o relazioni degenerate tra medico e paziente. Per queste donne, lo smartwatch è diventato un alleato cruciale, offrendo loro non solo un immediato supporto, ma anche un senso di sicurezza incrementato. Collegato a uno smartphone tramite un’app dedicata, “Mobile Angel” consente alle donne di attivare un allarme e richiedere l’intervento dei carabinieri con un semplice tocco.

Oltre alla funzione principale di invio dell’allarme tramite un pulsante, lo smartwatch è dotato di sensori in grado di rilevare movimenti anomali, come cadute o spintoni, attivando automaticamente un segnale di soccorso. La sua capacità di localizzazione GPS assicura un rapido e mirato intervento delle forze dell’ordine, mentre una chiamata a un operatore specializzato consente di valutare e gestire la situazione in tempo reale.

Il primo anno di monitoraggio ha dimostrato l’efficacia di “Mobile Angel” sia nel fornire alle donne un senso di protezione, sia nel funzionare come deterrente per gli aggressori. Questa doppia efficacia sottolinea l’importanza delle soluzioni tecnologiche innovative nella lotta contro la violenza di genere.

“Mobile Angel” si inserisce in un contesto più ampio di iniziative e risorse dedicate alla prevenzione e al contrasto della violenza di genere. Un esempio è rappresentato dall’app “Bright Sky” della Fondazione Vodafone, che fornisce informazioni utili su diversi tipi di violenza e una mappatura dei servizi di supporto disponibili sul territorio. Inoltre, l’app consente di effettuare una chiamata rapida al 112, garantendo un accesso immediato all’assistenza in caso di emergenza.

Questo progetto rappresenta un esempio di come la tecnologia possa diventare uno strumento potente nella protezione e nel supporto delle vittime di violenza. L’integrazione di soluzioni tecnologiche avanzate nelle strategie di intervento e prevenzione apre nuove vie per affrontare e ridurre la violenza di genere. La diffusione di dispositivi come “Mobile Angel” e l’adozione di app informative e di supporto rappresentano passi importanti verso una maggiore sicurezza e autonomia per le donne in situazioni vulnerabili.