TG2 sotto attacco: il game show di Pino Insegno mette a rischio l’intera redazione!

TG2 sotto attacco: il game show di Pino Insegno mette a rischio l’intera redazione!
Tg2

La controversia tra Pino Insegno e il Tg2 infiamma le polemiche. L’affiatata amicizia tra il famoso conduttore e la Premier Giorgia Meloni aggiunge carburante al fuoco delle critiche dopo il suo ritorno su Rai2. Il game show condotto dall’attore non sta ottenendo il successo sperato e, nonostante la partecipazione di concorrenti VIP, il programma ha solo uno scarso 2% di share.

La disastrosa performance di Insegno si riflette sui programmi successivi e influisce anche sullo share del Tg2. Alla luce di ciò, l’assemblea del notiziario diretto da Antonio Preziosi ha dichiarato ufficialmente la propria preoccupazione per i bassi ascolti del programma di Insegno che precede l’edizione delle 20:30. Secondo i membri dell’assemblea, questa situazione rappresenta una grave penalizzazione per il Tg2, considerato che la testata e le sue rubriche sono da sempre leader di audience.

La questione è così delicata che l’opinione dell’assemblea sulle performance di Insegno ha spinto le persone a chiedersi se ciò possa rappresentare una crepa nella maggioranza di governo o se, invece, si tratti di dinamiche indipendenti dai partiti. Nonostante il direttore del Tg2 sia una figura politica di spicco, schierata con Forza Italia, sembra che i fatti parlino da soli, evidenziando il disastroso riscontro del programma condotto da Insegno.

Gli esponenti del Tg2 generano preoccupazione anche per la riduzione dei posti di lavoro nel notiziario. La direzione evidenzia una grave carenza di personale che rende difficile l’applicazione del piano editoriale del direttore Preziosi, anche se approvato e condiviso dalla maggioranza della redazione. L’assemblea chiede all’azienda soluzioni concrete e immediate per superare questa criticità. In mancanza di interventi adeguati, il notiziario si riserva il diritto di valutare eventuali azioni future.

Il sostegno alle rivendicazioni del Tg2 riguardo alla questione di Insegno porta poi al tema della riduzione del canone, prevista dalla prossima legge di bilancio. Il taglio previsto rappresenta una condizione di grandissima incertezza per i giornalisti della testata e si teme che possa creare ulteriori limitazioni rispetto alle scarse risorse a disposizione della redazione.

L’assemblea del Tg2 e i suoi caporedattori chiedono un intervento tempestivo da parte dell’azienda per ripristinare l’organico iniziale del notiziario, garantire il corretto svolgimento del lavoro e la possibilità di scegliere adeguatamente il personale. La richiesta del Tg2 è che entro la metà di novembre il direttore nomini i nuovi caporedattori e si proceda a coprire i posti vacanti.

Complessivamente, la situazione del Tg2 è di grande incertezza. L’arrivo di Insegno e il suo fallimento pesano sui programmi successivi, con il rischio che ciò influisca pesantemente sulle future strategie del Tg2. In particolare, la diminuzione dell’audience del game show è stata criticata da un’assemblea attenta alle esigenze della testata.