Tutto quello che devi sapere sullo scandalo che sta sconvolgendo il mercato immobiliare cinese

Tutto quello che devi sapere sullo scandalo che sta sconvolgendo il mercato immobiliare cinese
Evergrande

La Cina è scossa da una nuova fase della crisi immobiliare, ma questa volta si entra nel territorio della giustizia. Una mossa senza precedenti è stata compiuta dalla polizia cinese, che ha arrestato diversi dipendenti di Evergrande Financial Wealth, il braccio finanziario della società immobiliare più indebitata al mondo. L’annuncio è stato fatto sabato dalle autorità di Shenzhen, dove la sede dell’azienda è situata. La polizia ha rilasciato una dichiarazione precisa: tra i “sospettati” figura un lavoratore di nome “Du” e le indagini sono ancora in corso.

Nel corso del 2021, sei dipendenti avevano sottratto fondi di gestione patrimoniale prima della scadenza prevista. Quell’episodio si era concluso con l’obbligo per i lavoratori di restituire i soldi rubati.

Evergrande, da anni in preda a gravi difficoltà finanziarie, ha annunciato il mese scorso una perdita colossale di 33.012 miliardi di yuan nel primo semestre del 2023. Solo una settimana prima, aveva dichiarato bancarotta negli Stati Uniti. Ad inizio settembre, la sua principale sussidiaria, Hengda Real Estate, ha rivelato di essere coinvolta in ben 1.931 cause, per un totale di 437.743 miliardi di yuan.

La società, priva di liquidità, ha subito il suo primo default sul debito in dollari alla fine del 2021. Da allora, è in pieno processo di ristrutturazione. Dopo la notizia degli arresti, le azioni della società sono crollate del 25% alla borsa di Hong Kong. Un’onda d’urto si è propagata anche ad altre grandi società edili, come Country Garden, che ha subito una perdita del 2,8% in borsa.

L’industria edilizia, che rappresenta circa un quarto del PIL cinese, sta affrontando una crisi senza precedenti, che ha raggiunto il suo apice ad agosto. Le prospettive per il settore, già compromesse, si sono ulteriormente deteriorate a causa delle continue difficoltà finanziarie di Evergrande e delle sue numerose controllate. La situazione è diventata tanto grave da destare preoccupazione in tutta la Cina e mettere in allarme gli investitori internazionali.

Le autorità cinesi sono chiamate ora a intervenire con decisione per evitare che la crisi si trasformi in una vera e propria debacle economica. Le sorti di Evergrande saranno cruciali per il futuro dell’intera industria immobiliare cinese e non solo. La popolazione attende con ansia di vedere quali provvedimenti verranno adottati per ripristinare la fiducia nel settore e garantire la stabilità finanziaria. La crisi immobiliare in Cina è ormai una vera e propria emergenza nazionale, e l’urgenza di trovare soluzioni concrete è impellente.