Versatilità e sostenibilità: la Polestar 4 al servizio dell’ambiente

Versatilità e sostenibilità: la Polestar 4 al servizio dell’ambiente
Polestar 4

Il panorama automobilistico europeo si sta preparando ad accogliere un nuovo protagonista che promette di lasciare il segno: parliamo della Polestar 4, il SUV coupé che ha già conquistato il mercato cinese e ora si appresta a entrare con prepotenza anche nelle strade europee. Appartenente al prestigioso Gruppo Geely, la Polestar 4 rappresenta un perfetto equilibrio tra eleganza svedese e innovazione tecnologica, posizionandosi strategicamente tra la berlina Polestar 2 e il più imponente SUV Polestar 3.

Un’estetica che sfida i canoni

La Polestar 4 si fa notare innanzitutto per il suo stile: siamo di fronte a un design che osa, che sfida le convenzioni senza paura di distinguersi. La decisione di eliminare il lunotto posteriore, optando per un sistema di telecamere ad alta definizione, è una chiara dichiarazione di intenti, puntando su un’estetica futuristica che non trascura la sicurezza e la funzionalità. L’immagine del retro viene proiettata all’interno, non solo per aiutare nella guida ma anche per tenere d’occhio l’ambiente posteriore, una soluzione ideale per chi viaggia frequentemente con bambini.

Le fondamenta tecnologiche della Polestar 4

Elaborata sulla piattaforma Geely SEA, la Polestar 4 si avvale della stessa architettura tecnologica di altri modelli di successo del gruppo, come la Zeekr 001. Il veicolo è offerto in due varianti di powertrain. La versione base, rivolta a chi privilegia l’efficienza e la semplicità, è dotata di trazione posteriore con un motore da 200 kW. Per gli amanti della potenza, invece, è disponibile la versione a trazione integrale, che sfoggia due motori elettrici, uno per asse, capaci di erogare una potenza complessiva di 400 kW.

Innovazione e funzionalità a bordo

La Polestar 4 non si limita a impressionare con la sua potenza. Il veicolo è dotato di una batteria da 100 kWh che garantisce un’ottima autonomia e può essere ricaricata sia in corrente alternata con una potenza di 22 kW sia in corrente continua fino a 200 kW, tramite connettore CCS. Significativa è anche la predisposizione al Vehicle-to-Load, che permette al SUV coupé di restituire energia elettrica, dimostrando così di essere un veicolo non solo avanzato tecnologicamente ma anche versatile e attento alle esigenze contemporanee di mobilità sostenibile.

Un futuro elettrizzante in Europa

L’attesa per gli appassionati europei è quasi finita: la produzione della Polestar 4 è prevista per la metà del 2024, con le prime consegne che si stima avverranno ad agosto. In Italia, il prezzo di partenza per questo gioiello di tecnologia e design si aggirerà intorno ai 66.900 euro. Per coloro che desiderano vivere in anteprima l’esperienza Polestar, sarà possibile visitare il Polestar Space di Milano, uno showcase esclusivo inaugurato nel settembre dell’anno precedente, dove sarà esposta la nuovissima Polestar 4. Si prospetta quindi un futuro elettrizzante per gli amanti delle quattro ruote, con un modello che si candida a diventare un punto di riferimento nel segmento dei SUV coupé elettrici.